Serie C/D - Comunicato del 11/11/18

VOLLEY PRATO
Comunicato del 11  novembre 2018


LA SERIE C

TECNOAMBIENTE SAN MINIATO – VOLLEY PRATO 3-1

Tecnoambiente San Miniato: Bertolini, Bini, Boldrini, Cantini, Fogli, Galeone, Lazzeri, Montini, Picchi, Polidori, Salini, Sartini, Signorini. All. Latini.

Volley Prato: Lucchetti, Marchi, Anatrini, Alpini l., Bruni, Cantini, Corti, Alpini M., Civinini, Cassioli, Mazzinghi E., Mazzinghi F., Scaduto. All. Novelli.

Arbitro: Bucci.

Parziali: 23-25; 25-21; 25-23; 25-14.

 Non si sblocca il Volley Prato che a San Miniato perde una gara equilibratissima. Una buona occasione per cancellare lo zero dalla classifica e che non è stata colta dalla squadra di Novelli, ancora una volta troppo fallosa nelle fasi decisive dei set. Decisivo per il risultato finale un terzo set giocato male da entrambe le squadre ma che alla fine San Miniato è riuscito a portare a casa conquistando l’inerzia del finale di gara.

1° set: Prato in campo con Marchi in regia, Corti opposto, Bruni e Mazzinghi al centro, Cassioli e Alpini di banda e Scaduto libero. Inizio buono di match degli ospiti che non subivano la pressione dei ragazzi di casa e si giocavano il set punto su punto (15-15). Un bel muro di Alpini portava Prato sul massimo vantaggio (19-22). La ricezione ospite però balbettava e San Miniato tornava sotto (21-22). Lo sprint vincente era comunque quello pratese;

2° set: partenza lentissima di Prato nel secondo set (9-4) ma anche celere recupero ospite (9-7). Tecnoambiente che veniva agganciata sul 15-15 ma che trovava il nuovo break nel finale di set (21-17 e 23-20) per chiudere a 21;

3° set:  equilibrio assoluto nel terzo parziale (9-9). Set giocato abbastanza male da entrambe le formazioni che commettevano tanti, troppi errori. Prato era bravo a trovare il break nel finale (18-20) ma ingenuo a non sfruttarlo, a farsi recuperare e poi superare da San Miniato;

4° set: Prato accusava il colpo e la fatica nel quarto set. Padroni di casa che volavano sul 9-4. Prato ad accorciare (15-12). Dentro Alpini a palleggiare. La squadra di Novelli appariva però stremata e non riusciva più ad esprimersi a livelli competitivi. Marchi in regia sul 18-13 ma non cambiava niente con la squadra di casa che chiudeva agevolmente.

 

LA SERIE D

 

PVP VAIANO – VOLLEY PRATO 3-2

PVP Vaiano: Dardini J., Caselli, Sacchetti, Di Cristo, Vannini, Vignolini, Di Benedetto, Laliscia, Gualtieri, La Torraca, Pilucchini, Sacchetti, Dardini P., Niccolai, Giovannetti. All. Targioni.

Volley Prato: Pontillo, Bartolini, Sacchetti, Cecchin, Menchetti, Massi, De Giorgi, Disconzi, Camici, Scaduto, Pacini, Lotti, Torri. All. Barbieri.

Arbitro: Romeo

Parziali: 23-25; 28-26; 25-22; 22-25; 15-11

 

Prato si arrende ma solo al tie break. Ancora una straordinaria prova di carattere della squadra di Andrea Barbieri che nel derby della provincia di Prato trascina il Vaiano di Targioni al tie break giocando una gara gagliarda e non subendo minimamente l’emozione della Mazzini. L’ennesima conferma per questa squadra che sta affrontando con il piglio giusto la categoria e che, punto dopo punto, si è intanto portata a meno nove dalla quota salvezza finale fissata dalla Fipav a 15. La gara. Come detto Prato per niente intimorito dal derby in campo esterno e che partiva subito con il piglio giusto. Equilibrato il primo parziale con la squadra di Barbieri che chiudeva a 23. Nel secondo ancora gara giocata punto su punto e set che si prolungava fino ai vantaggi. Prato non riusciva a piazzare il colpo dello 0-2 ed allora era bravo e lucido Vaiano a portarsi in parità. Set perso e contraccolpo immediato sui ragazzi di Barbieri e di Targioni, naturalmente in senso opposto. Nel terzo infatti era Vaiano a prendere sicurezza ed a farsi preferire. La squadra di Targioni amministrava bene il punteggio e chiudeva a 22. Prato, però, non molla mai e così nel quarto set, invece di cedere come ci si sarebbe potuti attendere da una squadra giovane, i ragazzi di Barbieri stringevano i denti e mettevano nuovamente alle corde Vaiano. Una dimostrazione di carattere e volontà che valeva il 2-2 e quindi il ricorso al tie break. Qui Vaiano faceva valere la sua maggiore esperienza mentre Prato, quasi appagato, non  riusciva più a contrastare il finale dei valbisentini.