M.Novelli, l'accordo con il Vero Volley era l'anello che ci mancava......

VOLLEY PRATO
Comunicato del 26 settembre 2017

 

Una stagione ricca di scommesse. Il Volley Prato non ha paura di crescere e le iniziative prese sul campo e fuori dal campo dalla società del presidente Giuntoli sono lì a dimostrarlo.  A poco più di due settimane al via della Serie C abbiamo fatto il punto con il direttore tecnico Mirko Novelli che certo di queste scelte e di queste scommesse è punto fermo e motore.

“La stagione è iniziata con al via i campionati giovanili e on risultati tutto sommato soddisfacenti per le nostre formazioni – dice Novelli in una pausa dell’allenamento della sua Under 16 – Abbiamo perso due gare contro l’Avis Pistoia in Under 16 ed Under 18 ma l’avevamo messo in conto, vista la bontà degli avversari ed il fatto che le nostre formazione erano, in entrambi i casi, più giovane dei suoi avversari . Di contro abbiamo vinto in Under 14 proprio con la squadra che schieriamo in collaborazione con Pistoia e questa squadra ci fa davvero ben sperare in una stagione da protagonista”.

Ed il lavoro con la Serie C come procede?

“Ci stiamo allenando bene ed anche la prima uscita amichevole, persa 2-3 con la Ruini Firenze, ha confermato che la squadra sta lavorando bene e sta crescendo secondo i programmi. Sabato prossimo giochiamo un torneo ad Arezzo con i padroni di casa, Sansepolcro e Perugia. Un torneo di buon livello e speriamo di avere altre risposte positive. I più giovani della squadra stanno facendo bene e stiamo cercando di recuperare da infortuni e guai fisici anche due elementi importanti come Vannini e Coda. Insomma, come detto, tutto procede al meglio ”.

Come valuti l’ingresso del Volley Prato nel Vero Volley Network?

“Ho definito questo accordo il nostro anello mancante. E’ un accordo importante che ho appoggiato in pieno ed a cui ho lavorato in prima persona. Come avevo detto alla fine della stagione scorsa, per una realtà come la nostra che sta ottenendo risultati importanti con il vivaio e che ogni anno fa crescere gruppi e singoli giocatori di qualità, è necessario dare sbocchi e prospettive a tutti questi giovani. Se l’accordo con Firenze può portarci la categoria nazionale, la Serie B, e se noi puntiamo ad avere in proprio una Serie C ed una Serie D, per far crescere i ragazzi, l’ingresso nel network del vero Volley ci regala uno sbocco nella pallavolo nazionale da mettere a disposizione di tutti i nostri talenti. Noi da questo accordo abbiamo solo da guadagnare perché se un nostro ragazzo andrà via per giocare in serie A noi non perderemo niente ma anzi sapremo di aver lavorato bene”.